Eisenstecken, Josef

(Matrei am Brenner 1779 - Bolzano 1827)

Di umili origini, Eisenstecken si stabilisce a Gries presso Bolzano nel 1802 e assume la gestione della locanda "Badl". Prende parte alle battaglie per la liberazione del Tirolo come membro della milizia di difesa patria. Nell'ambito della milizia territoriale del Tirolo, costituita nel 1802, riveste i gradi di maresciallo. Le coraggiose azioni compiute come maggiore degli Schützen gli permettono nel 1809 di convincere gli ufficiali austriaci a intervenire sul Brennero e a tenere la posizione. Così facendo Eisenstecken contribuisce notevolmente alla vittoria degli Schützen tirolesi nelle battaglie del Bergisel (25 e 29 maggio 1809). Eisenstecken viene segretamente incaricato dall'imperatore Francesco I di consegnare al comandante supremo Andreas Hofer la pesante catena d'or e una consistente somma di danaro. Dopo la pace di Schönbrunn e la proclamazione di una amnistia generale da parte dei francesi, depone le armi. Nel 1810 è promosso maggiore dell'esercito austriaco e decorato, per i suoi meriti, con la Große Goldene Medaille.

Collaboratori progetto

DATI

Dati di registro:

Data:
08.2009
Autore:
Michler, Andrea

Persone

Kolb, Johann Nepomuk Maria von

Figlio di un avvocato di Innsbruck, Kolb è in un primo tempo esattore delle...

>> dettagli...

Località/Eventi

Secolarizzazione del 1803

Il concetto di secolarizzazione designa la soppressione di istituzioni...

>> dettagli...

Film

You need to upgrade your Flash Player
Install Flash Player

Enciclopedia

Altri articoli nell'enciclopedia

>> Home...